Home :: About :: Archive ::                                                                                                     Yesterday :: About :: Archive ::                                                                                                     Yesterday :: About :: Archive ::                                                                                                     Yesterday :: About :: Archive ::                                                                                                     Yesterday :: About :: Archive ::                                                                                                     Yesterday :: About :: Archive ::                                                                                                     Yesterday :: About :: Archive ::                                                                                                     Yesterday :: About :: Archive ::                                                                                                     Yesterday :: About :: Archive ::                                                                                                     Yesterday :: About :: Archive ::                                                                                                     Yesterday ::


La tragedia delle foglie



Mi destai alla siccità e le felci erano morte,
le piante in vaso gialle come grano;
la mia donna era sparita
e i cadaveri dissanguati delle bottiglie vuote
mi cingevano con la loro inutilità;
c'era ancora un bel sole, però,
e il biglietto della padrona ardeva d'un giallo caldo
e senza pretese; ora quello che ci voleva
era un buon attore, all'antica, un burlone capace di scherzare
sull'assurdità del dolore; il dolore è assurdo
perché esiste, solo per questo;
sbarbai accuratamente con un vecchio rasoio
l'uomo che un tempo era stato giovane e,
così dicevano, geniale; ma
questa è la tragedia delle foglie,
le felci morte, le piante morte;
ed entrai in una sala buia
dove stava la padrona di casa
insultante e ultimativa,
mandandomi all'inferno,
mulinando i braccioni sudati
e strillando
strillando che voleva i soldi dell'affitto
perché il mondo ci aveva tradito
tutt'e due.

(Charles Bukowski)

Fantastica!

A mio parere, la tua foto più bella o, per lo meno, la mia preferita :-)

Mi inchino alla tua bravura.

Mi associo a Frank.
Cazzo è veramente una bella foto!
Brava mitica

cercando "tofu" su google, mi sono imbattuta nel tuo blog,ritrovando anche bukowsky (perso tra i giri di vita) mi riprometto di leggere qua e la tra i tuoi fogli e perdermi un po tra le tue foto...
have a good time
sissi

Post a Comment

All images are Copyright (c) Fiordizucca | E-mail: fiordizucca at gmail dot com | Fiordizucca FoodBlog